Firma per riportare L'Insonne in edicola! Bastano pochi click!

mercoledì 27 ottobre 2010

Soldi, soldi, soldi...



E noi fessi a scannarci tra di noi sul fatto che sia giusto o no farsi pagare gli sketch alle fiere...

Riperto il concetto già espresso: io tornerei al baratto.

13 commenti:

  1. Ok, ora lo sai che mi COSTRINGI a vedere tutto il filmato e commentarlo?
    Perché sul tema del signoraggio ho già sentito pagine e pagine di emerite fesserie cospirazioniste molto, molto campate per aria, e parto un pelino prevenuto su uno che presumibilmente non ha mai preso in mano un libro di economia politica e/o di politica economica (sì, sono due cose diverse) che pontifica su fenomeni macroeconomici.

    Me lo guardo, poi torno a commentare.

    RispondiElimina
  2. Caro Mattia, tu non hai idea di quante fesserie troverai scritte su "The Secret", anche sull'argomento. Che bello, diventerai il mio Paolo Attivissimo! Il mio CICAP personale!
    :)

    A parte gli scherzi, sono curioso di leggere cosa hai scritto (magari passami il link) sulla questione del signoraggio...
    Perché mi risulta che anche chi ha aperto qualche libro di economia (non io, Dio me ne scampi, non per me ma per il bene dei miei possibili clienti :P) ci abbia scritto e addirittura qualcuno ha anche emesso valuta. Non mi risulta che la persona in questione fosse uno stolto cospirazionista.

    Comunque, se ti becco a Lucca, ti faccio rapire dagli alieni, ti metto in microchip e ti faccio un aereosol di scie chimiche! :DDDD

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Se è fiction, è fiction.

    Ma se uno vuole fare giornalismo e/o presentarsi alle elezioni, farebbe meglio a documentarsi.

    Già a 20 secondi dall'inizio, Grillo si fa beccare in castagna.
    Come "non sapremo mai chi sono" quelli della Banca Mondiale?
    Sono persone nominate dai governi di 187 paesi (con particolare peso politico degli USA).

    http://en.wikipedia.org/wiki/World_Bank#Members

    Alan Greenspan è in pensione dal 2006, Tietmeyer sta oggi alla Bank for International Settlements - Banca dei Regolamenti Internazionali (svizzera), che si occupa di tassi di cambio. Duisenberg, primo presidente della BCE fino al 2003, è morto nel 2005, anno in cui Antonio Fazio ha lasciato la Banca d'Italia.

    Di conseguenza, stiamo sagionando su roba vecchia di almeno 5 anni.
    Che sembran pochi, ma siamo: prima della riforma delle pensioni; prima della bolla speculativa sui mutui subprime; prima dell'Amministrazione Controllata della Lehman Brothers e quindi prima di tutto il riassetto istituzionale che ne è conseguito.
    A 7'30" compaiono le LIRE ITALIANE! Roba vecchia di 10 anni, addirittura pre-11 Settembre... O__O


    2'00" Grillo, al di là del fare terrorismo psicologico come il più cialtrone dei giornalisti e di fare appello alla frenologia (che come ricorda Smithers dei Simpson "è considerata ciarlataneria da oltre un secolo"), mi spiega come farebbe la Dundesbank a decidere "se mio figlio farà l'università"? ?___?

    Ma veniamo, finalmente, al centro del discorso.

    Grillo dice che queste persone "stampano soldi e li prestano".
    Errore.

    Errore grave, gravissimo, da bocciatura istantanea.
    La quantità di denaro "circolante" in un sistema monetario è sì decisa dalle Banche Centrali di ogni paese (e dalla BCE nel caso dell'U.E.), ma non si deve credere che sia possibile decidere quanto stamparne così, senza tenere conto delle conseguenze.

    Il denaro NON è un debito nel senso colloquiale del termine: serve a rappresentare la quantità di ricchezza che un sistema economico (es.: uno stato, gli USA, l'UE...) fa circolare.
    La banconota rappresenta una quantità di valore che la società (lo Stato in primis, ma anche i cittadini, gli altri stati) si impegna ad accettare.
    È un "debito" solo dal punto di vista contabile, nel senso che tu Stato sei formalmente chiamato ad onorare l'impegno preso.
    Grillo sta dicendo che uno Stato che mantiene le promesse (implicite nella moneta che stampa) è una brutta cosa! O____O

    Un ragionamento che si basa sul significato colloquiale di un temrine tecnico per me non ha alcun minimo valore.

    Inoltre, sta facendo un bel casino (3'10" circa) tra "debito contabile" (impegno contenuto nella moneta) e "debito pubblico" (che è una cosa che riguarda la bilancia dei pagamenti, argomento correlato ma non identico). Ti fideresti di un meccanico che scambia il freno a mano con le pastiglie dei freni solo perché hanno un nome simile? ?__?

    Altro errore concettuale tra 3'50" e 4'00": il prezzo di una materia prima non viene deciso dalle Banche Centrali: non esiste che qualcuno si alzi la mattina e "rivaluti l'oro"! O__O


    4'25": sono d'accordo che la ricchezza è male distribuita a livello mondiale, questa non è una novità e sì, bisognerebbe farci qualcosa. Ma col signoraggio (che ancora non è stato toccato e siamo a metà filmato) non c'entra molto.

    Grillo continua a parlare dell'oro, però, da una parte come se volesse tornare al Gold Standard (che è stato abbandonato dopo un periodo di transizione in cui gli USA l'han fatta da padroni), con beni materiali a garantire la ricchezza, quando ha appena finito di dire che il bene materiale è inutile se viene usato solo come riserva di valore (l'oro lasciato nelle banche)... Deciditi!!! (continua)

    RispondiElimina
  5. Altro errore concettuale a 5'50": collegare (senza spiegazioni) il sistema fiduciario al concetto di superinflazione di alcuni Paesi (anche l'Italia degli anni '80, per chi se lo ricorda, ma ne siamo usciti).

    A 6'00" Grillo si decide: gli piace il Gold Standard. Cioè un sistema molto MENO democratico sul piano internazionale (in mano ai POCHI produttori d'oro) e anche soggetto alle fluttuazioni del prezzo di UNA singola materia prima (e quindi più INSTABILE, vedi il dramma della Germania negli anni '20, o il fatto che gli USA lo abbandonarono temporaneamente negli anni '30 per permettersi il recupero dalla crisi del 1929).

    A 6'20" circa Grillo azzecca il ragionamento per caso, visto che parte da dati sbagliati: i soldi sono "di tutti" (all'interno di uno Stato) e, in effetti, rappresentano la ricchezza di QUELLO Stato. Si sta lamentando che una cosa non è così... Quando lo è.

    E arriviamo al Signoraggio, forse.
    7'30" - 8'00": "Pagabili a vista al portatore": e certo che sono pagabili a vista! Forse che tu, io, o chiunque altro (anche un investitore estero) non accettavamo quella banconota come buona? ?__? Se la portavi in banca CERTO che te la pagavano, come dal fruttivendolo e dal macellaio: con una controprestazione che tu richiedi: frutta, carne, un accredito sul tuo C/C, un acquisto di azioni... Chiedi, paghi, ottieni. Nessun gesto dell'ombrello.

    L'amico inviperito dei sottotitoli a 8'07" non ha il dubbio che sull'Euro non ci sia scritto nulla perché le lingue ufficiali dell'UE sono ALMENO una dozzina, e per di più in crescita ad ogni allargamento? Paga lui per riscrivere tutte le banconote ogni 2-3 anni? :P

    8'29": altro errore. Bankitalia è sì un'S.p.A. (Grillo fa leva sull'errore di pregiudizio "S.p.A. = privata"), ma ha uno statuto speciale per quanto riguarda le decisioni da prendere ed è un ente di Diritto Pubblico (altra materia su cui boccio senza pietà Grillo).

    Vedi qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Bankitalia#Status_giuridico

    Quello che dice Grillo da 8'40" e 9':05" è ESATTAMENTE quello che viene fatto: le Banche Centrali regolano la quantità di moneta circolante secondo la necessità. Vuoi un esempio pratico (visto che nel filmato di casi concreti non se ne parla manco per sbaglio)? Il taglio drastico dei tassi interbancari e, soprattutto, dei tassi d'interesse ufficiali da parte delle banche centrali di UE, USA, Cina, Giappone per fare da cuscinetto e attutire gli effetti reali della recente crisi finanziaria (da cui stiamo finalmente, un poco alla volta, uscendo).

    Scrivere "Di proprietà del portatore" sulle banconote, come dice Grillo a 9'30" significherebbe NON PIÙ riconoscere che il denaro è un mezzo, ma effettivamente CREARE denaro dal nulla, perché avrei la mia ricchezza REALE non più rappresentata dal mezzo cartaceo, ma avrei la ricchezza reale E ANCHE quella nel mezzo cartaceo.
    E cosa succede se provi a creare ricchezza immaginaria? Che il sistema si riequilibra asuon di superinflazione, e i soggetti deboli (leggi: famiglie e consumatori) sono quelli che ci rimettono di più!

    In pratica, propone una soluzione DANNOSA ad un problema che NON ESISTE.

    E del signoraggio non ha nemmeno parlato, perché qui si parlerebbe di concetti che, per il livello di questo filmato, rasentano la fisica nucleare... -______-

    RispondiElimina
  6. >Altro errore concettuale tra 3'50" e 4'00": il prezzo di una materia prima non viene deciso dalle Banche Centrali: non esiste che qualcuno si alzi la mattina e "rivaluti l'oro"! O__O

    L'oro è un bene di rifugio, quindi chi possiede molto oro ha interesse a creare periodi di crisi per far alzare il suo prezzo. Questa è sempre l'opinione del "complottista uomo della strada" :D

    >E arriviamo al Signoraggio, forse. 7'30" - 8'00": "Pagabili a vista al portatore"

    Ma è vero o no che il denaro è stampato da società che NON sono di stato e che le banconote hanno un volre che è il loro valore nominale + le spese di stampa + la lavorazione e che quindi costano sempre un po' di più del loro valore nominale? Ho sentito questa storia da molte parti, tu mi sai spiegare meglio?

    >L'amico inviperito dei sottotitoli a 8'07" non ha il dubbio che sull'Euro non ci sia scritto nulla perché le lingue ufficiali dell'UE sono ALMENO una dozzina, e per di più in crescita ad ogni allargamento? Paga lui per riscrivere tutte le banconote ogni 2-3 anni? :P

    Potevano scriverlo in inglese o meglio in esperanto :D

    >8'29": altro errore. Bankitalia è sì un'S.p.A. (Grillo fa leva sull'errore di pregiudizio "S.p.A. = privata"), ma ha uno statuto speciale per quanto riguarda le decisioni da prendere ed è un ente di Diritto Pubblico (altra materia su cui boccio senza pietà Grillo).

    E non era meglio avere una banca dello stato? meglio per il cittadino, intendo :)

    >(da cui stiamo finalmente, un poco alla volta, uscendo).

    Le "MIE" fonti (assolutamente inattendibili) assicurano che a gennaio facciamo il botto. Segnati questa data... spero che mi habbiano detto una sonora minchiata :D

    Detto questo grazie davvero per la spiegazione a cui non so e non posso replicare. Io sono un dietrologo, ma dietrologo anche con i complottisti, quindi ascolto tutte le campane.
    Dai tuoi correttissimi discorsi evinco che consideri le crisi economiche un "effetto" imprevedibile in un sistema che potrebbe essere migliorato ma che è il migliore che possiamo avere per adesso. Evinco anche che tu consideri chi detiene il potere economicio delle persone corrette e che la struttura fa di tutto per evitare guai peggiori. Un po' come dire che i crimini vengono fatti ma che la polizia viglila e le leggi sono giuste.

    Io, invece non mi fido. Per me, i vertici economici del pianeta sono corrotti fino all'ultimo capello.
    Un abbraccio e grazie della chiacchierata ;)

    RispondiElimina
  7. Dunque, vediamo di riassumere per punti e cercando di chiudere dei discorsi invece di allargare.

    1) Evinci male, perché molti banchieri sono persone che, singolarmente, impiccherei nelle loro budella. Il sistema economico/monetario mondiale non è perfetto, anzi sopra tuono contro lo squilibrio ricchi/poveri. Però almeno critichiamo il sistema che c'è DAVVERO, non quello che CI PARE esista. O_o;

    2) Tu dici: "L'oro è un bene di rifugio, quindi chi possiede molto oro ha interesse a creare periodi di crisi per far alzare il suo prezzo."

    Però c'è un però: i beni delle materie prime, nei periodi di crisi, scendono, come scendono i prezzi di... tutto. Guarda qua i baratri sul grafico in corrispondenza, non a caso, di fine 2008. L'impennata successiva è a causa di una massiccia manovra di acquisto di India e Cina (e se avessimo ancora il Gold Standard, i mercati monetari sarebbero stati colpiti di rimbalzo, cosa che per fortuna non è avvenuta).

    Inoltre, non è detto che dal prezzo di una materia prima non possano venirne guadagni anche dal piccolo investitore... Fatto sta che l'oro, oggi, una materia prima come lo zucchero, il piombo, il grano, ecc.

    Ti dò una dritta per una bella cospirazione reale (a base di prezzi di materie prime) su cui indagare: il mercato nero del rame e la criminalità che ci sta dietro!


    2) Il Signoraggio è la differenza tra il valore "di faccia" della moneta e l'effettivo circolante (al netto della stampa). Per farla breve, ogni Stato lucra una piccola percentuale sull'emissione di moneta. Questo lucro non è A DANNO dei cittadini, ma è A BENEFICIO dei cittadini di quello stato, ed è documentato ogni anno nei bilanci degli stati, che sono pubblici (almeno nella U.E., le dittature dell'Est Asia non so...).
    L'effetto (ripeto, positivo) è comunque piccolo, perché la differenza creata viene recuperata sui cambi.

    E meno male, perché se l'effetto fosse grande ci sarebbe una differenza tra ricchezza reale e moneta circolante, ed è da lì, in ultima analisi, che iniziano le crisi.

    3) Questione "meglio banca 100% pubblica o banca privata?" Risposta: il problema è stato annullato e scavalcato con l'Unione Europea: abbiamo, oggi, una regolazione della politica monetaria centralizzata a livello Unione Europea, il che permette anche di tenere le politiche monetarie più lontane dai tentacoli di interessi privati, del singolo Stato, della criminalità (leggi: Mafia), ecc.

    4) le crisi economiche sono imprevedibili per definizione: se fossero prevedibili sarebbero prevenute da chi ha "le leve" in mano, che ci perde fiumi di soldi!
    Le truffe che generano le crisi, invece, sono un altro paio di maniche: è compito degli Stati vigilare perché non si creino e perché vengano smutandate il prima possibile, prima che s'ingrandiscano, visto che danneggiano i cittadini (vedi ultima crisi in corso, dicevo, ma anche le crisi della New Economy degli anni '90, le Crisi petrolifere del 1971/1973, la crisi del 1929, ecc. ecc.: tutte nate su scostamenti, in buona o cattiva fede, della finanza dalla realtà CONCRETA)!

    Spero di aver fatto un po' di chiarezza, ripeto, portando esempi concreti.
    Perché i problemi nascono quando perdiamo di vista la concretezza di certi meccanismi. :(

    RispondiElimina
  8. Oh, al punto due ho dimenticato il link ai prezzi dell'oro negli ultimi anni. ^_^;

    Eccolo:
    http://www.goldprice.org/gold-price-history.html#10_year_gold_price

    RispondiElimina
  9. Apprezzo lo sforzo di chiarezza e complimenti per la disamina.
    A questo punto, l'uomo della strada si ferma perché ha informazioni contrastanti. La definizione che dai del signoraggio, addirittura "benefico" è la prima volta che la sento.
    Cosa ne pensi di tal Giacinto Auriti?

    http://www.youtube.com/watch?v=IvJZUjnH9mU

    Un abbraccio ;)

    RispondiElimina
  10. in rete gira questo dossier sulle frottole del signoraggio:

    http://digilander.libero.it/togiga/signoraggio.pdf

    e un gruppo facebook che debunkera le idiozie dei complottisti:

    http://www.facebook.com/pages/Signoraggio-informazione-corretta/279217954594

    la teoria del complotto del signoraggio è una bufala di stampo neonazista

    http://signoraggisti.blogspot.com
    http://it.wikipedia.org/wiki/Signoraggio
    http://it.wikipedia.org/wiki/Signoraggio_in_Italia
    http://it.wikipedia.org/wiki/Teorie_del_complotto_sul_signoraggio

    occhio ;)

    Segnalo anche questi video:
    http://www.youtube.com/watch?v=ZCW0APlsWvU
    http://www.youtube.com/watch?v=eHroJym_PDQ
    http://www.youtube.com/watch?v=f0N8aAaQJRU
    http://www.youtube.com/watch?v=gvN4L7trdUU

    Il signoraggio si studia nelle università, dietro di esso non c'è nessun complotto e soprattutto non c'entra una mazza con il debito pubblico. Magari sarebbe meglio ascoltare più professori universitari, tecnici ed esperti invece di credere a tutto quello che i complottisti mettono su internet

    Il concetto di signoraggio e quanto ruota attorno all'emissione di moneta ed alla sua gestione Banche/Stati, ha dato luogo a montature populiste dei furbetti di turno che portano a far credere concetti di pura fantasia ed inesistenti proiettandoli su piccolissime basi di verita' alla gente.
    Trattandosi nella realta' di un argomento piccolissimo, di nicchia, ma che si presta a mitiche e fantastiche interpretazioni, non trovando facilmente altre fonti esplicative adeguate in rete, la gente finisce col subirne il coinvolgimento nei proclami allarmistici dei parolai e venditori di fumo di turno, volti esclusivamente a far puntare l'attenzione di detta gente su un problema di fatto ridicolo, distogliendola dai problemi reali, concreti e ben piu' imponenti, al fine renderli meno evidenti, meno discussi e di fatto meno comprensibili.

    RispondiElimina
  11. @Giuseppe Di Bernardo Una grande presa in giro, per l'appunto... a parte che questo tizio (Auriti) è un po' tutto tranne che un economista, le balle sul signoraggio sono smentite da diversi siti di debunking e non sono sostenute da nessun economista serio.

    Ne parlava Grillo qualche anno fa, ha smesso quando si è accorto che erano tutte balle, e per questo adesso è odiato a morte e ritenuto un venduto dai signoraggisti vari; idem per Travaglio, attaccato a più riprese per il fatto di 'non parlare del signoraggio' (perché al contrario di altri, non essendo economista non parla di cose che non sa); in generale, c'è molta arroganza attorno a questo tema, il sentirsi 'illuminati' perché si sa come funzionano le cose e attaccare gli altri come idioti che non vogliono vedere le cose come stanno.

    Aggiungerei il fatto che le tesi signoraggiste sono sostenute praticamente solo dall'estrema destra, che in alcuni casi ne fa anche una battaglia politica, inserendo nei propri programmi la 'sovranità monetaria' che consentirebbe al governo di stampare moneta da regalare ai propri cittadini (il cosiddetto reddito di cittadinanza). E meno male che non superano la soglia di sbarramento perché manderebbero in bancarotta il Paese.

    RispondiElimina
  12. Salve Anonimo (in attesa che tu mi dia un nome anche fittizio).
    Grazie delle delucidazioni e del tuo punto di vista.

    Noterai che comunque da nessuna parte ho scritto che creda al "signoraggio".

    Mi faccio delle domande e e cerco di capire "di chi è la colpa". Io non credo alle cose... mi devo ACCORGERE delle cose. Per questo, dubito di tutto.

    Si, NWO e tutti i temi connessi sono stati il prodotto di un pensiero legato all'estrema destra. Oggi, direi che col movimento antiglobalizzazione la questione è quantomeno trasversale.
    Che dietro a certe credenze arrivino frotte di ignoranti creduloni sono assolutaemnte d'accordo, ma nulla mi farà cambiare idea sul fatto che il pianeta sia in mano a pochi "eletti" (e non ho detto illuminati) che gestiscono il potere lontano dai riflettori.
    Apprezzo che ci sia chi "smonta" le teorie cospirative, ma non basta qualche paginetta di Wiki a dimostrare che le cose stanno in un altro modo.
    Che se ne parli all'università mi fa piacere (io ho fatto altri studi, ma questa è un'altra storia), ma non è neppure detto che la verità sia nelle aule delle falcoltà (e anche questa è un'altra storia).

    Detto questo, però, da squallido fumettista quale sono, questa mitologia folkloristica ha su di me davvero un fascino irrinunciabile... Forse perché ha il sapore di tante storie di fantascenza e di fantapolitica.

    RispondiElimina
  13. @Giuseppe: capisco (ma fino ad un certo punto) il sospetto nei confronti delle "versioni ufficiali", ma quando si parla di sistemi macroeconomici, i dati ed i fenomeni che ho citato possono essere spiegati in alcuni modi e non in altri.

    Il signoraggio spiegato com'è stato spiegato qui sopra non sta in piedi, è pieno di contraddizioni in termini, e non spiega (anzi: fa a pugni con) troppi, troppi fatti verificabili (anzi: FACILMENTE verificabili!) per essere una teoria anche solo vagamente credibile. O_o;

    RispondiElimina